ragnar

Corrispondenze tra l’attore Travis Fimmel e il suo alter ego Ragnar Lodbrók

L’attore australiano Travis Fimmel ha un atteggiamento in comune con Ragnar Lothbrok, il personaggio da lui interpretato nella celebre serie tv ‘Vikings‘: entrambi preferiscono stare seduti tranquillamente nel mezzo di una fattoria piuttosto che occuparsi della guerra imminente.

Tuttavia sembra che Fimmel condivida con Ragnar molto più che la condotta infatti in una recente intervista nei pressi di Los Angeles, l’attore australiano si è spinto oltre rivelando maggiori dettagli sugli aspetti in comune con il proprio alter ego televisivo.

ATTENZIONE SPOLER!

Q: “Come descriveresti il carattere di Ragnar?”

Fimmel: “E’ una persona molto curiosa, e certamente in grado di guardare oltre. Ovviamente è molto cinico, non si fa scrupoli a uccidere per ottenere il proprio scopo, malgrado ciò è una persona molto orientata alla famiglia e alla collettività, ed è sempre in grado di vedere oltre non solo rispetto ad oggi ma anche e soprattutto nel futuro”.

Q: “Senti di avere qualcosa in comune con il personaggio da te interpretato?”

Fimmel: “Siamo entrambi ragazzi di campagna che cercano di fare del bene e di rendere orgogliose le nostre famiglie. Tutti e due vorremmo vivere in campagna. Devi darti da fare e capire se ne vale la pena o no. Personalmente spero di poter vivere ancora in mezzo ai campi, ma per adesso sono occupato dal mio lavoro, con tutte le opportunità che mi sta dando”.

Q: “Non ti senti a tuo agio con lo stile di vita di Los Angeles?”

Fimmel: “Non fa per me, amico. Non vivevo qui da anni. Viaggio molto. Ho vissuto qui per un po’. Un altro aspetto grandioso di Vikings è che la serie viene girata in Irlanda un grande paese fatto di brava gente. Hai la possibilità di stare in mezzo al verde e divertirti, lontano dalla città”.

“Dopotutto Ragnar era un semplice contadino nella prima stagione di Vikings. Il creatore della serie Michael Hirst l’anno scorso mi ha detto che avrebbe voluto far diventare il mio personaggio più colto e io gli ho risposto che avrei preferito rimanesse com’era.  Per l’audizione, ha registrato una scena nella sua cucina in un luogo campestre. Quando mi ha visto recitare si è accorto che facevo al caso suo, non voleva un vichingo qualsiasi, sperava che io ci aggiungessi del mio, reinventandone la figura”.

Q: “Avresti preferito rimanere in campagna piuttosto che diventare attore?”

Fimmel: “Si, questo stile di vita è interessante. E’ tutto grandioso ma, non so, è come se pensassi sempre al mio sogno di quando ero bambino e a quello che condividevo con tutti i miei amici  e con mio padre. I momenti migliori sono legati al ricordo di quel bambino che una volta viveva in una fattoria”.

Q: “Che tipo di azienda agricola era?”

Fimmel: “Per la maggior parte ci occupavamo di prodotti lattiero caseari”.

Q: “Hai mai immaginato di essere tra 10 anni di nuovo in un’azienda simile?”

Fimmel: “Ci ho pensato anni fa. Si, al cento per cento. Non un’azienda casearia ma piuttosto di carni”.

Q: “Quindi per adesso sei a Los Angeles?”

Fimmel: “Si mi trovo qui per questioni lavorative. Sono arrivato dall’Australia due settimane fa. Solo per un lavoro”.

Q: “Quando si fa un’audizione a Los Angeles si utilizza l’accento americano?”

Fimmel: “No. Un sacco di persone lo fanno anche se devi sicuramente essere in grado di parlare con accento americano. Io ho un’accento davvero pessimo”.

Q: “L’accento utilizzato in Vikings sembra vagamente inglese, una sorta di accento transatlantico”

Fimmel: “Beh, questa è una cosa positiva, la prendo come un complimento, amico. Non siamo in grado di dargli un nome preciso, semplicemente doveva essere un accento diverso. Basta che tutti parliamo in una maniera abbastanza simile”.

Q: “Tu e Alyssa Sutherland (Aslaug) siete soliti parlare con il vostro accento australiano tra una scena e l’altra?”

Fimmel: “Oh al cento per cento, amico. Non sono uno di quegli attori che rimangono nel personaggio anche fuori dal set. Non sono così esageratamente teatrale. Può funzionare per alcuni, ma io preferisco farmi una risata”.

Q: “Non si ride molto in Vikings, però, vero?”

Fimmel: “Lo show ha un’aria davvero seria. Dal canto mio avrei preferito ci fosse maggiore umorismo. Ma siamo stati davvero fortunati, lo show funziona molto bene, ed è stata una buona scuola di apprendimento per me”.

Q: “Cosa accadrà in questo nuovo capitolo?”

Fimmel: “Beh Ragnar è gravemente malato. Mio fratello Rollo si trova a Parigi a tenere d’occhio le cose, ma si rivelerà il personaggio peggiore che avremmo potuto lasciare in un paese straniero. Si fa convincere facilmente. Quindi gran parte della nuova stagione verterà sulla relazione tra Ragnar e suo fratello Rollo. Ragnar è convinto che lui ancora una volta verrà meno ai patti e ne ha abbastanza di lui, infine, i due fratelli giungeranno alla resa dei conti, non importa il motivo.”

Q: “Cosa puoi dirci delle sue donne?”

Fimmel: “Si, ha un po’ paura dell’amore e ha dei problemi con le donne. La cosa più importante per Ragnar è di assicurarsi che i suoi figli stiano bene”.

Q: “Hai fatto delle ricerche storiche sul tuo personaggio e sui vichinghi in generale?”

Fimmel: “Non l’ho fatto. Quello che fa un attore è di cercare di adattare la realtà dell’epoca a quella attuale comprese le emozioni, poiché le emozioni umane di base sono sempre le stesse. I copioni scritti da Michael sono molto dettagliati, il che li rende facilmente interpretabili da un attore”.

Q: “Sei stato a Parigi. Dove andrai ora? Arriverete in America?”

Fimmel: “Michael ha immaginato che l’America sarà l’ultima terra scoperta dai vichinghi. Un gran numero di storici ritene che i vichinghi siano stati i primi ad esplorare il nuovo mondo. Ma prima di allora volgeranno le loro mire espansionistiche al Mediterraneo, Islanda e Irlanda”.

Q: “I vichinghi si insediarono in Sicilia per circa duecento anni”

Fimmel: “Sembra che tu ne sappia più di me. Durante questa stagione arriveremo in Italia. Ho dimenticato il nome della città. Quest’anno ci saranno 20 episodi. E’ stata una vera impresa per Michael scrivere 20 episodi”.

Q: “Avrai altri impegni oltre a questo?”

Fimmel: “Non ti resta che guardare lo show, amico. Potrei non stare molto bene. Credo che starò fuori dalla scene per un po’. La battaglia contro mio fratello sarà quella di maggior rilievo dell’intera stagione e nessuno dei due ne uscirà illeso. Vedremo che piega prenderà questa stagione”.

Q: “Quindi quando pensi che potrai tornare al progetto dell’azienda in campagna?”

Fimmel: “Ho bisogno di fare ancora un po’ di soldi. Voglio che sia grande. Il terreno è poco fertile, dove sono cresciuto. Voglio arrivare fino in collina dove piove. La pioggia costa sempre un po’ di più”.

Tradotto da:
Dovahkiin

Fonti:
The-Sydney-Morning-Herald

ENGLISH:

Likeness between Travis Fimmel and his character Ragnar Lodbrok