vikings-ragnar-bjorn

Alexander Ludwig parla dello show televisivo Vikings e del proprio personaggio “Bjorn”

Le festività invernali sono ormai terminate e l’arrivo del 2015 rinnova l’attesta per l’uscita del terzo capitolo della nostra serie televisiva preferita ridestandoci dal freddo rigido e dandoci nuova forza per combattere insieme ai nostri eroi i nemici con le asce e gli scudi.

Precedentemente noto al grande pubblico per aver recitato in film come Hunger Games e Lone Survivor, Alexander Ludwig ha consacrato la propria fama agli antichi dei nordici scegliendo di interpretare il quieto e obbediente “Bjorn Ironside” figlio di Ragnar e Lagertha.

Segue INTERVISTA all’attore svolta dalla testata giornalistica statunitense Entertainment Weekly:

Entertainment Weekly:

È stato difficile il passaggio in uno show televisivo già avviato come Vikings?

Alexander Ludwig:

 “E’ stata una transizione molto naturale ed è bello far parte di uno show già stabilito come un successo, perché non devi preoccuparti di ciò che sta per accadere. Ma la cosa per cui più sono felice è l’accoglienza che mi hanno riservato i fan e penso che siano davvero entusiasti di vedere cosa accadrà con Bjorn.

Entertainment Weekly:

Restando su questo tema, cosa succederà con Bjorn?

Alexander Ludwig:

L’intera stagione si basa sul tentativo del personaggio di  trovare il suo posto nella comunità vichinga e ciò stabilisce le basi per la leggenda di Bjorn Ironside. Lo vedrete realizzarsi come giovane uomo e costruire la leggenda. Era un ragazzo vero, e probabilmente ha fatto più di suo padre nato prima di lui. Onestamente la storia di Vikings … è incredibile. Ragnar Lothbrok era una leggenda, ma i suoi figli hanno continuato a fare grandi cose, quindi sono davvero entusiasta di vedere dove lo spettacolo progredisce e se vedremo quell’angolo dove Bjorn proseguirà i suoi viaggi e creerà la propria leggenda. Se desiderate avere un po’ di spoiler fategli un fischio, perché quello che ha fatto è stato incredibile.

Entertainment Weekly:

Qual’è la sfida più grande quando si tratta di girare uno show come questo? E’ la fisicità?

Alexander Ludwig:

Non direi fisico. Ho avuto esperienza in questo campo e ciò è stato sicuramente un vantaggio, e questo è ciò che amo dello show la sua capacità di rendere i combattimenti meno spettacolarizzati e più realistici. Non è molto alla maniera di Hollywood, è molto tagliente e crudo e non è carico di significati. Ma penso che una delle più grandi sfide presenti nello spettacolo è stata quella di dover interpretare un personaggio che era già presente nella prima stagione. Io sicuramente ho lottato con l’idea di mantenere un sacco di caratteristiche fondamentali di Bjorn: lui è tranquillo, è sincero, e mi piace lasciarmi andare perché penso che Bjorn si fa notare, in quanto quando parla, la gente si aspetta che significhi qualcosa. E quando sorride è un grosso problema.

Entertainment Weekly:

Hai avuto un confronto con Nathan, che ha interpretato Bjorn da giovane?

Alexander Ludwig:

Ho guardato tutto quello che Nathan ha portato sul grande schermo nella prima stagione e sicuramente l’ho preso in considerazione ma allo stesso tempo sono arrivato alla conclusione che sono passati quattro anni da quando lo hai visto e lui non è più un fanciullo, anch’io non sono lo stesso ragazzo che ero un anno fa. Tante cose possono cambiare, e sta lottando con un sacco di emozioni contrastanti e ciò è stato molto divertente da interpretare.

Entertainment Weekly:

In che modo il cast si rilassa a telecamere spente?

Alexander Ludwig:

Dopo che dicono stop è come una grande festa. Travis e io lottiamo a telecamere spente e tutti noi siamo seduti in questa tenda insieme e facciamo piccoli giochi e ognuno viene coinvolto. Noi sinceramente ci rallegriamo della reciproca compagnia, e ciò ci aiuta a essere uniti sul set.

Entertainment Weekly:

Cos’altro può sorprendere la gente che continuerà a seguire uno show come questo?

Alexander Ludwig:

L’intera troupe funziona davvero insieme per arrivare a fine giornata, non facciamo pausa per il pranzo. Un’altra cosa: prima delle scene di combattimento, passiamo forse due settimane, con istruttori di lotta e coordinatori degli stuntman. Quando il regista dice azione ha inizio lo show. Come quando tutti dimenticano tutto, e si sta dondolando e si sta cercando di non farsi colpire e si sta cercando di ricordare cosa è successo e si arriva in maniera cruenta in un modo o nell’altro. E’ davvero divertente. Alla fine saremo sempre a cercare di capire chi si è fatto più male.

Entertainment Weekly:

Non sei estraneo agli appassionati fan grazie a The Hunger Games. Come si presentano al confronto i fan di Vikings?

Alexander Ludwig:

E’ stato interessante fare un film come The Hunger Games, perché tutti sapevamo che sarebbe stato un successo, ma non sapevamo quanto. L’esperienza più strana per me è stata diventare una celebrità prima ancora che il film arrivasse sugli schermi. Le persone volevano cercare di intrufolarsi sul set e crescevano rapidamente da lì. Ora con Vikings e Lone Survivor, ho davvero guadagnato un pubblico diverso, ma ho mantenuto i fan di Hunger Games, ed è stato fantastico. Per quanto riguarda Vikings che è girato in Irlanda, la gente non era così presa dalle celebrità, ma abbiamo ancora persone che cercano di intrufolarsi sul set. E quando torno in America, c’è da impazzire. Sono stato molto piacevolmente sorpreso da quanto bene lo show è stato ricevuto anche dal pubblico più giovane, soprattutto tra le giovani ragazze, e penso solo che aumenteranno. Ci sono alcuni personaggi femminili davvero forti e penso che continueranno a crescere nella prossima stagione.

La storia leggendaria di Bjorn Ragnarsson è sicuramente una delle più interessanti dell’epoca vichinga e il canale History per merito dello sceneggiatore e produttore Michael Hirst sta dimostrando di saperla interpretare degnamente non ci resta che attendere la messa in onda della terza stagione per vedere quale sarà il destino di questo giovane vichingo.

Scritto da:
Dovahkiin

Fonti:
Entertainment Weekly

Tradotto da:
Sara

ENGLISH:

Alexander Ludwig talks about Bjorn and the rest of Vikings cast